Notizie

Per il CISP è una priorità informare l’opinione pubblica, sensibilizzarla su quanto avviene nei paesi poveri o colpiti da conflitti e portare alla luce le problematiche sociali italiane. Al tempo stesso, il CISP ritiene necessario dare conto di quanto in concreto realizza e quali risultati raggiunge. Le notizie e le valutazioni riportate dai mezzi di comunicazione sulle attività del CISP contribuiscono a rafforzare il legame con l’opinione pubblica, sia in Italia sia nei paesi dove opera. È per questo che il CISP incoraggia il mondo del giornalismo, l’opinione pubblica e la cittadinanza a chiedere informazioni, approfondimenti e una valutazione del suo operato. Si tratta di una scelta di trasparenza e apertura che fa parte dell’identità del CISP come Organizzazione della società civile.

Vertice Parigi sulla politica migratoria :Position Paper della rete di Ong “LINK 2007”
12 September 2017

 

Le Ong della rete LINK 2007 hanno diffuso oggi un articolato documento nel quale, partendo dal  Vertice di Parigi del 28 agosto, sono analizzati i recenti orientamenti politici sull’immigrazione e le reazioni da essi sollevati, sui quali viene espresso il posizionamento delle rete.
Il tentativo è quello di evidenziare il duplice sguardo: delle responsabilità politiche delle istituzioni italiane ed europee e dei diritti umani, dei principi di umanità e solidarietà. “Non dovrebbero contrapporsi, dato che il vertice di Parigi e le dichiarazioni politiche che ne sono seguite affermano di ispirarsi ad essi, ma c’è una cinica e rischiosa scelta dei ‘due tempi’ che crea non pochi problemi”, afferma Paolo Dieci, presidente di LINK 2007.

Nella prima parte del documento, LINK 2007 cerca di rispondere alla domanda “QUAL È LA NOVITÀ E QUALE IL SIGNIFICATO DEL VERTICE DI PARIGI?” dato che in molte parti sembra riproporre le stesse decisioni del più ampio vertice euro-africano di La Valletta nel 2015. Il paragrafo “LO SGUARDO DELLE ISTITUZIONI POLITICHE” ne riassume i contenuti evidenziando i limiti ma anche l’importanza dell’iniziativa, dato il peso politico e numerico dei quattro paesi promotori (Francia, Italia, Germania, Spagna) che, con l’uscita della Gran Bretagna, possono determinare le politiche europee e definire ‘cooperazioni rafforzate’ per accelerarne l’attuazione. Mentre il paragrafo “LO SGUARDO DEI DIRITTI UMANI E DEI PRINCIPI UMANITARI” si sofferma sulle criticità, approfondendone i contenuti per evidenziarne i rischi e i passi da fare.

“LE SCELTE ITALIANE (NEL TENTATIVO DI COMPRENDERNE LE RAGIONI)” è il titolo della seconda parte che viene sviluppata anch’essa con i due sguardi. Il paragrafo “LA STRATEGIA ADOTTATA” sintetizza la politica governativa, delegata principalmente al ministro dell’Interno, alla sua capacità di iniziativa e di decisione, con una propria definita strategia, marcando così quel carattere prettamente securitario che crea indubbi squilibri nella politica governativa italiana e nel governo dei flussi migratori con la visione più complessiva e lungimirante richiesta. Nel paragrafo successivo, “ALCUNI DOVEROSI COMMENTI”, LINK 2007 elenca i principali punti problematici suscitati dalle decisioni del ministro: dai salvataggi in mare alla delega della gestione dei flussi alla Libia, allo sfregio ai diritti umani, agli attacchi alle Ong, al codice di condotta, all’indipendenza dell’azione umanitaria rispetto a fini politici o strumentali, alle azioni necessarie, accompagnate da proposte concrete che rimandano anche a precedenti documenti di LINK 2007 sul tema, all’indispensabile dialogo con le istituzioni, da tenere comunque aperto, attraverso il quale possono essere più facilmente manifestate, con forza e risolutezza, le contrarietà alle politiche adottate e più facilmente recepiti i suggerimenti migliorativi, le istanze e le proposte operative.

Nella terza parte LINK 2007 si sofferma sulla “NECESSITÀ DI DEFINIRE UN’AMBIZIOSA POLITICA AFRICANA” esaminandone la complessità: un ‘piano Marshall’ per l’Africa? a quali condizioni?, i rapporti economici di squilibrio e di rapina tra Ue e paesi africani, la cooperazione allo sviluppo, il senso dei partenariati, la coerenza delle politiche, le risorse, la formazione di istituzioni credibili e di una classe dirigente preparata, anche eticamente, la lotta alla corruzione, la demografia africana e la necessità del lavoro per le giovani generazioni, la giustizia e la solidarietà come fattori di sicurezza, il nesso tra migrazioni e sviluppo, la valorizzazione del transnazionalismo degli immigrati, la mobilità umana, l’indispensabilità di un’attenta e trasparente valutazione della cooperazione realizzata per mettere in luce le incoerenze e gli effetti perversi che la rendono inefficace. “Sono temi su cui le Ong di LINK 2007 hanno riflettuto in tanti anni e che ripropongono periodicamente alla riflessione collettiva e all’iniziativa politica”, sottolinea il presidente Paolo Dieci.

Vai al documento completo