Notizie

Per il CISP è una priorità informare l’opinione pubblica, sensibilizzarla su quanto avviene nei paesi poveri o colpiti da conflitti e portare alla luce le problematiche sociali italiane. Al tempo stesso, il CISP ritiene necessario dare conto di quanto in concreto realizza e quali risultati raggiunge. Le notizie e le valutazioni riportate dai mezzi di comunicazione sulle attività del CISP contribuiscono a rafforzare il legame con l’opinione pubblica, sia in Italia sia nei paesi dove opera. È per questo che il CISP incoraggia il mondo del giornalismo, l’opinione pubblica e la cittadinanza a chiedere informazioni, approfondimenti e una valutazione del suo operato. Si tratta di una scelta di trasparenza e apertura che fa parte dell’identità del CISP come Organizzazione della società civile.

GET UP AND GOALS! Global education time: an international network of learning and active schools
20 November 2017

È  avviato il progetto cofinanziato dall’Unione Europea GET UP AND GOALS! Global education time: an international network of learning and active schools for SDGs - Alziamoci a far Goal! E’ tempo di educazione globale: una rete internazionale di scuole che apprendono e si attivano per gli obiettivi di sviluppo sostenibile che intende sostenere l’applicazione dell’AGENDA 2030 nelle scuole.

Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda Globale per lo sviluppo sostenibile ed i relativi 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (o Sustainable Development Goals – SDGs), articolati in 169 Target (o Traguardi) da raggiungere entro il 2030.

È un evento storico, sia perché è stato espresso un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo - sul piano ambientale, economico, sociale -, sia perché tutti i Paesi sono stati chiamati a contribuire allo sforzo di rendere il mondo sostenibile, senza più distinzioni tra Paesi sviluppati, emergenti e in via di sviluppo. Infine l’attuazione dell’Agenda richiede un forte coinvolgimento di tutte le componenti della società e sfida anche la scuola.

Noi del CISP abbiamo deciso di impegnarci perché:

entro il 2030 tutti gli studenti acquisiscano le conoscenze e le competenze necessarie per promuovere lo sviluppo sostenibile attraverso, tra l’altro, l'educazione per lo sviluppo sostenibile e stili di vita sostenibili, i diritti umani, l'uguaglianza di genere, la promozione di una cultura di pace e di non violenza, la cittadinanza globale e la valorizzazione della diversità culturale e del contributo della cultura allo sviluppo sostenibile (Agenda 2030: Obiettivo 4 - Traguardo 7)

Il CISP è coordinatore generale del progetto, in partenariato con il CVM ed altre 12 ONG di Austria, Bulgaria, Irlanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito Repubblica Ceca, Romania, Spagna, Ungheria. Anche i Ministeri dell’Istruzione dei 12 Paesi europei coinvolti vi hanno aderito, così come diverse Università (per l’Italia il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre; Alma Mater Studiorum dell’Università degli Studi di Bologna; l’Università degli Studi di Macerata; Università degli Studi dell’Aquila) ed Enti Locali (in Italia il Municipio I di Roma Capitale; la Citta Metropolitana di Bologna; il Comune di Ancona; il Comune di Avezzano (AQ) e il Comune di Porto San Giorgio).

Il progetto si sviluppa in tre anni, dal 2018 al 2020, in 120 istituti e si rivolge ai protagonisti della scuola: insegnanti, studenti tra gli 11 e i 16 anni, dirigenti scolastici, per raggiungere famiglie, comunità ed enti locali, alcuni significativi social media e l’opinione pubblica. In Italia le attività saranno sviluppate nelle Marche, e nel Lazio.

Il progetto promuove un percorso di ricerca-azione che favorisca la riflessione sui SDGs e l’attivazione di comportamenti compatibili con un modello di sviluppo più equilibrato, sia a livello globale che nazionale, in grado di tenere insieme, in modo virtuoso, crescita economica, diritti sociali e tutela dell’ambiente naturale, sia per le generazioni presenti che per quelle future…

… e prevede un ampio ventaglio di attività

  • Formazione dei docenti sull’Agenda 2030 e l’educazione alla cittadinanza globale, a partire dal 2018
  • Formazione e scambio di buone pratiche tra i docenti, sia a livello nazionale che con gli insegnanti dei paesi europei partner
  • Sperimentazione di Unità di Apprendimento sui temi e problemi legati agli SDGs
  • Realizzazione e sperimentazione di un manuale di geo-storia globale
  • Azioni di sensibilizzazione sugli SDGs rivolte alla comunità locale, realizzate da alunni ed alunne delle scuole coinvolte
  • Applicazione e sperimentazione di un metodo di misurazione dell’impatto di iniziative di educazione alla cittadinanza globale e alla sostenibilità
  • Attivazione di uno specifico sito europeo di progetto in cui saranno pubblicati i materiali didattici innovativi e gli esiti delle attività realizzate nelle scuole. Il sito costituirà anche lo strumento per la realizzazione di una campagna di coinvolgimento di nuovi insegnanti che in tutta Europa si aggiungeranno al novero di coloro che stanno sperimentando l’educazione alla cittadinanza globale nelle proprie ore curricolo
  • Campagna europea di sensibilizzazione degli insegnanti e dei giovani agli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) e alla (educazione alla) cittadinanza globale

Man mano aggiorneremo questa pagina, renderemo disponibili i materiali didattici e gli altri prodotti realizzati dai partecipanti e i link ai siti del progetto e dei partner.

Se sei un istituto, un insegnante o un dirigente scolastico, mettiti in gioco e … GET UP AND GOALS!

 

Per saperne di più contatta Raffaella De Luca, responsabile del progetto GET UP AND GOALS! in Italia, e

scrivi a Raffaella del Luca, oppure chiama 063215498

 

   Questo progetto è finanziato dall’Unione Europea