Notizie

Per il CISP è una priorità informare l’opinione pubblica, sensibilizzarla su quanto avviene nei paesi poveri o colpiti da conflitti e portare alla luce le problematiche sociali italiane. Al tempo stesso, il CISP ritiene necessario dare conto di quanto in concreto realizza e quali risultati raggiunge. Le notizie e le valutazioni riportate dai mezzi di comunicazione sulle attività del CISP contribuiscono a rafforzare il legame con l’opinione pubblica, sia in Italia sia nei paesi dove opera. È per questo che il CISP incoraggia il mondo del giornalismo, l’opinione pubblica e la cittadinanza a chiedere informazioni, approfondimenti e una valutazione del suo operato. Si tratta di una scelta di trasparenza e apertura che fa parte dell’identità del CISP come Organizzazione della società civile.

1°corso del progetto europeo GET UP AND GOALS! organizzato dal CISP per Docenti
9 August 2018

                              

GET UP AND GOALS!

Inizia il 4 settembre 2018 il corso di formazione all’educazione alla cittadinanza globale e agli obiettivi di sviluppo sostenibile del CISP per insegnanti e dirigenti scolastici.

-----

GET UP AND GOALS!

È iniziato il 4 settembre 2018 il corso di formazione all’educazione alla cittadinanza globale e agli obiettivi di sviluppo sostenibile del CISP per insegnanti e dirigenti scolastici

 

Si svolge a Roma il 1°corso del progetto europeo GET UP AND GOALS! organizzato dal CISP (Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli), con la partecipazione dell’IC Largo San Pio V, del CREIFOS-Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre e dell’ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - e la collaborazione di CVM, partner italiano di GET UP AND GOALS!

La formazione si rivolge a docenti delle scuole secondarie di primo grado e primo biennio delle secondarie di secondo grado per approfondire L' Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile negli ambienti e negli strumenti di apprendimento; è articolata in 6 moduli, per un totale di 25 ore, e terminerà il 16 ottobre 2018. Il corso è gratuito.

È la prima tappa del percorso di ricerca-azione che mira ad arricchire le competenze metodologico-didattiche e a condividere i contenuti più avanzati necessari ai docenti per sviluppare l’integrazione delle competenze di cittadinanza globale, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 nei curricoli scolastici.

Il corso è presente sulla piattaforma S.O.F.I.A. MIUR

Quasi 50 insegnanti di 7 scuole del primo ciclo del Lazio hanno partecipato alle sessioni del

4 SETTEMBRE 2018 L' Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile: il ruolo della scuola nel nuovo scenario globale con Caterina Spezzano, dirigente tecnico del MIUR, Enrico Giovannini, portavoce dell’ASviS, e Stefano Molina, della Fondazione Agnelli.

5 SETTEMBRE Il ruolo dell’istruzione, la sensibilizzazione e la capacità umana nell’epoca dei cambiamenti climatici, con Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF Italia

Le Migrazioni analizzate con la lente degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile fra percezioni ed impatto culturale, con Stefano Allievi, professore dell’Università di Padova

6 SETTEMBRE Le disuguaglianze di genere e l’Obiettivo 5, con Marcella Corsi, professore de La Sapienza Università di Roma

Cittadinanza globale e riduzione di povertà e diseguaglianze, con Enrica Chiappero Martinetti, professore dell’Università di Pavia

Nelle settimane dal 18 SETTEMBRE al 16 OTTOBRE 2018 il corso prosegue con i laboratori di progettazione didattica, con la facilitazione di Antonella Fucecchi, docente di lettere, esperta di intercultura e di pubblicazioni in prospettiva interculturale,  e Gabriella Calvano, insegnante di scuola primaria, ricercatrice Centro di Eccellenza d’Ateneo per la Sostenibilità dell’Università di Bari e formatrice di docenti. I laboratori sono finalizzati all’adozione di guide pedagogiche e progettazione di unità di apprendimento, con un approccio curricolare e nella prospettiva dell’educazione alla cittadinanza globale e alla sostenibilità.

L’approccio scelto prevede l’attenzione alle grandi domande collettive che l’umanità affronta oggi, la connessione tra il livello globale e locale dei fenomeni globali, il superamento dell’eurocentrismo, l’approccio interdisciplinare, la relazione tra gli avvenimenti del passato e i problemi del presente, l’attenzione al punto di vista dello studente, l’uso di metodologie d’aula interattive e partecipative, la diffusione di quanto appreso presso le comunità sociali di riferimento degli studenti.

 

 

Scarica il programma

 

 

 

Questo progetto è co-finanziato dall’Unione Europea